Lavello cucina uso e consumo

Consigli per uso e scelta del lavello

Lavello cucina

Il lavello in cucina oggi è molto importante più come arredamento che per utilità. I vari modelli e materiali che ci sono in commercio rendono sempre più semplice l’abbinamento con tutto quello che ci gira intorno; elettrodomestici pensili e via dicendo.

INDICE DEL POST

  1. Allaccio idrico del lavello cucina
  2. Perdita di acqua del lavello cucina
  3. Consigli utili

Anche il rubinetto da abbinare si presenta in colori e forme molto varie; con la possibilità di scegliere tra leva o manopole per dare un tocco di classe in più. Anche se poco usato perché si preferisce utilizzare quello di servizio magari in veranda; il lavello comunque ha sempre bisogno della sua manutenzione e gli imprevisti sono sempre in agguato.

Quando vediamo dell’acqua a terra nelle sue vicinanze pensiamo subito: da dove viene adesso questa ? cosa devo fare ? adesso cerchiamo di rispondere a queste domande.

1) Allaccio idrico del lavello cucina

Il lavello è allacciato alla rete idrica grazie ai due flessibili. Questi vanno dalle prese a parete sia dell’acqua calda che quella dell’acqua fredda al rubinetto. Lo scarico è collegato alla rete fognaria mediante le tubazioni di raccolta. Queste portano al sifone che mediante un tubo viene collegato allo scarico a parete.

Le tubazioni possono essere tre o due a seconda se il lavello abbia una o due vasche. I tubi di ogni vasca vengono collegati alle pilette e uno al sovrapieno. Il tubo del sovrapieno è collegato alla griglia che si trova nella parte alta di una delle due vasche; se non è previsto anche l’allaccio dello scarico della lavabiancheria, non ci sono altri tubi sotto il nostro lavello.

2) Perdita di acqua dal lavello cucina

Le perdite d’acqua possono essere di alimentazione o di scarico; se sono di alimentazione la perdita è continua mentre se è di scarico la notiamo solamente quando scarichiamo acqua nelle vasche. La causa della perdita di alimentazione è l’usura del flessibile o delle guarnizioni. Per individuarla per prima cosa dobbiamo vedere dove l’acqua è visibile; se vediamo che l’acqua esce dalla parte superiore del rubinetto potrebbe essere la guarnizione; mentre se l’acqua esce da sotto e scorre lungo il flessibile allora è proprio questo che bisogna sostituire.

Per proseguire alla sua sostituzione seguiamo questa guida: Come sostituire il tubo flessibile
Se invece l’acqua esce dai tubi di scarico dobbiamo capire se è il sifone intasato oppure lo scarico a parete. Se l’acqua esce dalla parte superiore al sifone, vuol dire che è il sifone intasato e allora basta mettere una bacinella sotto e svitare la parte inferiore del sifone svuotarlo e rimontarlo, mentre se la perdita esce dal tubo a muro vuol dire che è il tubo di scarico sotto traccia che è intasato. Qui si può provare a immettere direttamente dentro il tubo uno stura lavandino chimico e se non funziona provare con del filo zincato da utilizzare come sonda per cercare di sbloccarlo, cosa che di solito funziona.

Leggi pure: Come sgorgare il sifone

3) Consigli utili

Evitare di versare dentro il lavello lo scarico della lavabiancheria o detersivi solidi in generale perché questi formano dei residui nelle tubazioni e sono la prima causa degli ingorghi, e usare sempre delle griglie di protezione nelle pilette per evitare che residui di alimenti si immettano nello scarico.

Precedente Lampade da parete guida su scelta e installazione Successivo Legge 104