Lampade da parete guida su scelta e installazione

Guida su come installare una lampada da parete anche in assenza di punto luce

Le lampade da parete oltre ad essere utili come soluzione per illuminare determinati ambienti si rivelano anche degli ottimi pezzi di arredamento. Queste possono rendere particolare un angolo di casa con le loro forme e disposizioni; e anche per quel gioco di luce che riescono ad offrirci in base alla loro disposizione mettendo in risalto l’ambiente stesso.

Ricerca del punto di alimentazione

L’illuminazione a parete in alcuni casi diventa una soluzione obbligatoria sopratutto in quegli ambienti come le mansarde. A causa dei tetti inclinati dove le lampade da parete da parete sostituiscono completamente i lampadari dando un tocco di classe in più alla casa. Ma cosa succede se in una parete della nostra casa non c’è un punto luce. Noi invece vorremmo metterci un bel lampadario da parete o una plafoniere o lampada da parete; come facciamo ad alimentarla ? vediamo come risolvere questi quesiti.

Lampada-parete

Se vogliamo portare un punto luce su una parete dove mettere una lampada per prima cosa dobbiamo vedere se c’è una presa o un interruttore nelle vicinanze. Magari dall’altro lato della parete potrebbe esserci; e da li potremmo prendere l’energia elettrica per alimentare la nostra lampada. Se siamo fortunati e la troviamo il tutto ci verrà più semplice e operiamo in questo modo.

Come installare le lampade da parete

Scegliamo in che punto della parete vogliamo mettere la nostra plafoniera e tracciamo una linea che va verso la presa o interruttore. Lungo questa linea con l’aiuto di uno scalpellino e martello facciamo un incavo di almeno 1,5 cm. Al suo interno passeremo un cavetto che poi sarà coperto con dello stucco in modo che non si noterà a lavoro finito.

Lampada-corda

Le due estremità andranno una dentro la cassetta della presa o interruttore dove andremo ad alimentarlo collegandolo alla rete elettrica e nella quale inseriremo l’interruttore per governare il nuovo punto luce, e l’altra nell’applique dove agganciandolo nel porta lampada illuminerà la lampadina e verrà nascosto nel telaio.

leggi pure : Presa elettrica

Altra possibilità di alimentazione

Se invece nelle vicinanze non c’è nessun punto luce allora andremo alla ricerca di una cassetta di derivazione che si trovano nella parte alta delle pareti e sono presenti in quasi tutti gli ambienti, il procedimento è quasi simile solo che dobbiamo segnare oltre a dove mettere la lampada da parete dobbiamo anche decidere dove mettere l’interruttore che la comanderà, quindi dobbiamo tracciare una linea che va dalla cassetta di derivazione all’interruttore, e una linea dall’interruttore alla lampada quindi il cavetto verrà alimentato nella cassetta di derivazione passerà dall’interruttore per poi raggiungere la lampada.

Leggi pure: Punto luce come crearlo

Se invece vogliamo illuminare una zona dove non arriva nessuna linea elettrica e quindi non abbiamo nessuna possibilità di poter prendere corrente da nessuna parte possiamo utilizzare un altro sistema: utilizziamo un applique da parete dove metteremo una lampada a led a 12 volt che alimenteremo con una batteria che nasconderemo nel telaio e per accenderla utilizzeremo un segnalatore di presenza sempre a 12 volt che accenderà la lampada solo quando ci sarà la presenza di qualcuno mentre si spegnerà quando non serve limitando l’accensione solo quando è utile risparmiando in questo caso anche la batteria che avrà una durata più lunga.

Precedente La crepa nel muro cause e rimedi Successivo Lavello cucina uso e consumo