Orto sul balcone: come realizzarlo in modo semplice

Come realizzare un piccolo orto in casa
Orto sul balcone

Orto sul balcone

Sono in tanti le persone che hanno il pollice verde come si suol dire e che amano gestire un po di verde nelle loro case. Molti riescono perfino a gestire un piccolo orto sul balcone raggiungendo anche discreti risultati nonostante gli spazi siano ridotti. Il perché di organizzare un orto in balcone è dato da l’assenza di un posto adatto, oppure perché vivendo in città non si hanno altre soluzioni. Qualche volta si sente dire anche nei Tg che alcuni cittadini hanno coltivato una piccola area condominiale o un terreno adiacente casa abbandonato.
Ma per chi non ha queste possibilità e non ci vuole rinunciare è costretto a farsi l’orto in casa. Vediamo adesso come si potrebbe organizzare in base alle varie tipologie.

Orto sul balcone

Come fare un orto

  1. Orto verticale
  2. Orto sul terrazzo
  3. Orto sul balcone
  4. Orto pensile


Come fare un orto

Dopo aver fatto un indice degli argomenti che tratteremo passiamo ad analizzare ogni singola voce e a capire quale fa al proprio caso. Per ogni scelta viene indicato il percorso da fare e in che modo se comprando quello che serve oppure provarlo a realizzarselo in proprio. In base alle proprie possibilità sia economiche che manuali, per ognuno
ci sarà una soluzione. La cosa importante è quella di riuscire a realizzare un piccolo orto personale per avere la soddisfazione di dire questo l’ho fatto io.

E perché no anche di gustare prodotti genuini al cento per cento sicuri di come sono stati curati, contribuendo anche ad non inquinare. Ti starai chiedendo che centra l’inquinamento. Centra, pensa che se produci un kg di pomodoro, non lo acquisterai al supermercato, e questo comporta; meno trasporto, minor carta e plastica per l’imballaggio e potrei continuare a lungo. Ok adesso iniziamo con la prima categoria.

* Orto verticale

Orto verticale

L’ orto verticale è la soluzione ideale per chi ha problemi di spazio perché riesce a restituire in altezza quello che ci manca in orizzontale. Per realizzare questa tipologia di orto esistono tante soluzioni già pronte
in commercio di diverse misure. Questo non toglie che se si vuole si potrebbero realizzare anche col fai da te, alla fine sono strutture semplici. Quello che è importante è la funzionalità, risparmiare spazio e garantire che ogni pianta riesca a ricevere la sua quantità di luce.

Si non dimentichiamoci che le piante hanno bisogno del sole quindi fare degli scaffali non è la soluzione migliore.
Quello che si vede in foto è una ottima soluzione anche facile da realizzare col fai da te. Basti pensare che si potrebbero riciclare le pedane di legno e realizzarle con quel legno. Andrebbero anche bene i carrelli verticali dei supermercati che usano per il trasporto. Magari chiedendo qualcuno si recupera e si possono modificare come
meglio crediamo. Alcuni hanno anche le ruote che renderebbero comodo il loro spostamento.

* Orto sul terrazzo

Orto sul terrazzo

Questa soluzione è una delle più comode perché a seconda dello spazio a disposizione si può organizzare un bel orto.
Qui le strutture da utilizzare sono diverse, perché avendo più spazio orizzontale possiamo migliorare la disposizione.
Se anche qui abbiamo uno o più lati delimitati da pareti, potremmo anche piazzarci qualche elemento di quello verticale, nessuno ce lo vieta. Ma nelle zone centrali potremmo utilizzare quelli a forma di banchetto che tanto comodi sono per lavorarci. Se pensiamo al fai da te ricordiamoci che lo spessore della terra non deve essere tanto.
In base a quello che vorremmo piantarci, 20 cm di terra vanno bene. Anche questa tipologia di supporto non è molto complicata e si potrebbe realizzare facilmente col fai da te.

leggi pure: piante da balconi

Altra soluzione

Orto sul terrazzo

Si avrebbe il vantaggio di costruirle con le misure giuste per le nostre esigenze sempre con legno di riciclo dalle pedane. E’ anche vero che comprare le tavole non costa tanto e una volta fatto un mini progetto si possono fare tagliare dove li acquistiamo. Si possono anche usare dei banchetti o tavoli usandoli come piano d’appoggio per mettere dei vasi capienti. Anche questa soluzione in questa foto andrebbe bene ed è molto spartana e quindi semplicissima da realizzare. Si può anche fare il fondo rialzato per evitare di dover caricare tanta terra e allo
stesso tempo staccarlo dal terreno.

* Orto sul balcone


Questa è la condizione più estrema che ci può capitare perché qui normalmente lo spazio è minimo. Certo ci sono situazioni dove i balconi sono megagalattici ma volendo a meno che uno non abbia il balcone di barbie ci si può tentare. Qui conviene utilizzare i vasi magari mettendoli un po’ rialzati per evitare di stare molto chinati.
Si possono usare anche i supporti dell’orto verticale se si ha lo spazio come anche il banchetto del terrazzo.
Se si hanno delle ringhiere si possono anche usare dei vasi da appendere alla ringhiera stessa. Anche dei vasi grandi se si vuole mettere anche qualche alberello. Si potrebbero creare col fai da te delle staffe di ferro da appendere alla ringhiera o muretto che servano a reggere delle tavole anche lunghe; per fare un piano lungo
quanto tutto il parapetto per mettere dei vasi dove coltivare i nostri ortaggi.

* Orto pensile

Orto pensile


L’ orto pensile è una soluzione che va bene in tutti i posti dove ci siano pareti per appoggiarli. Se abbiamo pareti che sono ben esposte al sole per un buon periodo del giorno quello è il posto giusto. La loro composizione è molto variegata basta pensare che il requisito primario è quello di essere appeso. Un modo che si usava anche anticamente era quella di appendere le cassette di legno quelle della frutta. Si chiudevano le fessure anche con della carta straccia e si metteva del terriccio per piantare gli ortaggi.

Vai alle offerte Amazon per questi articoli


Si potrebbe appendere una rete metallica al muro, dove con dei ganci ci si potrebbero appendere i vasi. I più grossi sotto e i più piccolo sopra man mano che si sale. Usare anche il sistema di appenderli al soffitto con dei fili che scendono e che vengono ancorati alla ringhiera o qualcosa di fermo. Questo per evitare che il vento li faccia oscillare per alcuni metri. Le idee ci sono basta partire dal presupposto che il fattore principale è recuperare spazio.

Precedente Il pc si blocca continuamente: ecco cosa fare Successivo Come bloccare un numero sullo smartphone